Associazione fra trigger points attivi e lesioni del disco lombare

Aggiornato il: mar 21


The Association of Active Trigger Points with Lumbar Disc Lesions Anand S. Samuel Aaron A. Peter K. Ramanathan 

Journal of Musculoskeletal Pain, Vol. 15(2) 2007

Una componente importante della lombalgia [LBP] è il dolore che si irradia agli arti inferiore, noto come sciatica. La comprensione di questo sintomo clinico è cambiata in modo significativo dal momento in cui è stato considerato come il risultato di una problematica locale nella regione ischiatica. “Sciatica” è un termine non specifico, comunemente usato per descrivere i sintomi di dolore che si irradiano verso il basso dal gluteo decorrendo sul lato posteriore o laterale dell'arto inferiore. Di solito si presume che sia causato dalla compressione di un nervo, ma non è necessariamente così. I meccanismi probabili per il dolore e il deficit neurologico comprendono la compressione delle radici del nervo spinale, gli agenti chimici irritanti dal disco intervertebrale, la compromissione cronica del trasporto assonale e la microcircolazione intraneurale (Olmarker K, Rydevik). Possono esserci cause di sciatalgia che non hanno origine nella colonna lombare (Braggins S, 2000). Fino ad un paziente su cinque con una causa extraspinale di sciatica può avere un disco a lume radiologicamente anormale, che non è responsabile dei loro sintomi (Dudeney S, O’Farrell D, Bouchier-Hayes D, Byrne J, 1998). La sindrome da dolore miofasciale [MPS] che coinvolge i trigger points [TrPs] nel muscolo piriforme e nel gluteo medio può indicare dolore nelle aree di distribuzione del nervo sciatico (Travel JG, Simons DG). I trigger point attivi TrP, che sono la causa principale del dolore miofasciale MPS, possono essere definiti come punti focali di iperirritabilità nel muscolo o nella sua fascia. Il pattern di dolore può essere percepito sia a riposo e / o durante un movimento specifico per il muscolo. Gli spasmi muscolari secondari a un'ernia o a profusione discale, così come l'ipertonicità muscolare a causa di anomalie nella postura, anomalie congenite scheletriche e postumi di dolore neurologico possono anche essere associati alla genesi e alla perpetuazione della sindrome da dolore miofasciale MPS (Imamura ST, Fischer AA et al., 1997). Il dolore e la disfunzione muscolare spesso portano alla formazione di Trigger Points secondari e associati con le proprie zone dolorose. Questo complicato quadro clinico del dolore rende difficile per il medico individuare l'area primaria della patologia. Fischer (Fischer AA, 1995) ha scoperto che i trigger points sono la causa immediata del dolore in molti pazienti con patologie muscoloscheletriche. In molti casi clinici, nonostante la rimozione del fattore eziologico come la radicolopatia dovuta a un'ernia del disco, persistono i sintomi del dolore. Dopo la disattivazione dei trigger point TrP, il dolore scompare per un lungo periodo di tempo o permanentemente, dimostrando il ruolo della componente miofasciale come causa immediata del dolore (Gerwin RD, 1993). La tensione e lo spasmo dei muscoli paraspinali svolgono spesso un ruolo importante nella gestione del dolore radicolare. La sensibilizzazione segmentale induce spasmi, oppressione e trigger points TrP nel miotomo corrispondente al segmento spinale coinvolto (Fischer AA, 1997). A sostegno di ciò, Hsueh et al. (Hsueh TC, Yu S, 1998) hanno trovato una correlazione diretta fra i trigger points TrP nel miotomo del corrispondente livello di lesione del disco cervicale. Inoltre, Gunn (Gunn CC, 1996) e Maigne (Maigne R, 1996) hanno suggerito che l'eziologia della sensibilizzazione dei nervi di solito è un'area di tessuto danneggiato che genera impulsi nocicettivi continui ed è propriamente descritta come "fuoco irritativo". La sensibilizzazione segmentale è la risposta dei nervi e del midollo spinale al fuoco irritativo. Sul lato motorio, l'irritazione segmentale che si riversa dall'irritazione sensoriale è manifestata solitamente dall'iperattività [cioè dallo spasmo muscolare] (Vecchiet L). Se uno spasmo persiste per un lungo periodo di tempo, crea trigger points TrPs, portando infine a danni più gravi ai tessuti molli. La sensibilizzazione segmentale induce spasmi, oppressione e trigger points TrP nel miotomo corrispondente al segmento spinale coinvolto (Fischer AA). Questo studio è stato condotto per valutare se esiste un'associazione simile per quanto riguarda i dischi lombari. Abbiamo ipotizzato che dovrebbe esserci un'associazione diretta tra la presenza di trigger points TrPs attivi in ​​pazienti con protusione discale lombare e questo dovrebbe corrispondere anche al livello di lesione del disco. Questo studio afferma che esiste una possibilità di componente miofasciale MPS in presenza di degenerazione del disco lombare che corrisponde allo stesso miotomo del livello di lesione. Dopo che è stato clinicamente dimostrato, in un determinato caso, che il generatore di dolore primario e immediato è il trigger points TrPs, raccomandiamo un programma di intervento terapeutico miofasciale MPS ben strutturato seguito da un protocollo di esercizio attivo basato sull'evidenza. 

#triggerpoint #triggerpoints #triggerpointitalia #triggerpointfuntional

CONTATTI:
info@triggerpointitalia.com
+393319487499
+39 0360361981
  • whatsapp trigger point
  • White Twitter Icon
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon