CONTATTI:
info@triggerpointitalia.com
+393319487499
  • whatsapp trigger point
  • White Twitter Icon
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

BENVENUTO SU TRIGGER POINT ITALIA .it

CORSI

Scegli il corso più adatto alle tue esigenze

MAPPE trigger point italia_.png

IL TUO DOLORE

Tutte le mappe dei dolori rifertiti in un semplice click

ARTICOLI

Scopri i migliori articoli scritti o tradotti

sui trigger point 

DOMANDE FREQUENTI

Leggi le risposte alle domente frequenti sui trigger point

LE MIGLIORI TECNICHE PER

I RISULTATI MIGLIORI

 

COME NASCE TRIGGER POINT ITALIA

Trigger Point Italia® nasce da un esperienza clinica pluridecennale e dalla passione per il trattamento e la cura del dolore miofasciale dei nostri pazienti.

Affascinati dalla complessità ed dall’intelligenza del corpo umano, abbiamo studiato con i migliori al mondo le tecniche con maggior evidenza scientifica e sviluppato un approccio funzionale al dolore miofasciale, la cui efficacia è stata testata su centinaia di pazienti.

Abbiamo maturato, nel corso degli anni, la convinzione di poter dare un apporto significativo alla formazione di professionisti che come noi, vogliono aiutare i loro pazienti a stare meglio è nato così un percorso di formazione dedicato al trattamento dei trigger points e alla sindrome da dolore miofasicale.

COSA SONO I TRIGER POINTS ?

I trigger points sono dei punti (noduli) dolorosi che si creano all'interno di una banda muscolare tesa di uno specifico muscolo.

Il termine "Trigger" significa grilletto, avere un trigger point attivo può essere difatti paragonato ad un grilletto di un fucile che se premuto spara lontano. Così per il nostro corpo, un trigger point se premuto con un dito può dare dolore non solo in quel punto, ma può creare una propagazione del sintomo lungo decorsi specifici definiti dalle mappe dei trigger point.

Leggi di più..

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI TRIGGER POINTS?

01

Ogni muscolo possiede aree di distribuzione specifica del dolore mio fasciale.

Abitualmente premendo con un dito su un Trigger Point è possibile aumentare l’intensità del dolore proiettato o semplicemente farlo emergere. L’ ampiezza della distribuzione del dolore riferito, non dipende dalla grandezza del muscolo ma dal grado di irritabilità del Trigger Point.

02

I Trigger Point si possono attivare a causa di traumi diretti,  microtraumi ripetitivi, sovraccarico, dall’eccesso di stiramento e accorciamento del muscolo.

03

I Trigger Point possono attivarsi per azione indiretta da parte di altri punti trigger (trigger point satellite e secondari), problematiche viscerali e fattori emotivi.

I Trigger Point satellite si attivano perché si trovano nell’area di proiezione del dolore di un muscolo primario o perché sono in un’area di dolore viscerale, ne è l’esempio calzante l’infarto del miocardio o la colica renale.

I Trigger Point secondari si possono sviluppare in muscoli sinergici al Trigger Point primario oppure in muscoli antagonisti.

04

L’irritabilità dei Trigger Point attivi può avere picchi temporali, ore o giorni in cui è maggiore.

05

Il Trigger Point latente può essere attivato da più variabili, tra cui i fattori di perpetuazione, ovvero abitudini ripetute nella giornata del

Paziente, che concorrono ad alimentare il Trigger Point. Il paziente spesso non è consapevole che gestie azioni quotidiane, contribuiscano alla sua disfunzione.

06

I sintomi del Trigger Point attivo possono durare a lungo per più motivi.

Quando dopo un trauma, le strutture guariscono, i muscoli fanno una sorta di deprogrammazione evitando il dolore e limitando il movimento, questo causerà rigidità e dolore muscolare cronico.

07

I Trigger Point non causano solo dolore ma possono provocare capogiri, acufeni, disturbi vestibolari, riflessi osteotendinei.

Un esempio è il riflesso achilleo, che migliora dopo lo spegnimento del TP attivo nel soleo, oppure la sensazione di ovattamento percepita all’orecchio generata da un Trigger Point dello pterigoideo mediale.

08

I Trigger Point miofasciali causano rigidità e debolezza del muscolo nel quale sono localizzati.

La debolezza si manifesta senza atrofia del muscolo colpito, ed è dovuta ad una inibizione centrale per tutelare il muscolo da una contrazione di grado doloroso.

COS’È LA SINDROME DA DOLORE MIOFASCIALE?

La sindrome da dolore miofasciale è definita come un’alterazione funzionale reversibile del sistema locomotore la cui origine si trova su uno o più trigger point: questi causano dolore locale riferito, sia acuto sia cronico. Il dolore riferito può essere simile ad altre sindromi dolorose e per questo è necessaria un’attenta diagnosi differenziale.

Il trattamento della sindrome da dolore miofasciale richiede la disattivazione del Trigger Point e la correzione dei fattori di perpetuazione; in questo modo si ridurrà il rischio di una loro possibile riattivazone.

Leggi di più...

COME SI TRATTANO I TRIGGER POINTS?

La terapia per i trigger point è caratterizzata da varie tecniche specifiche che hanno come obiettivo la disattivazione del Trigger Point, è possibile trattarli con tecniche manuali che vanno dalla pressione mantenuta al rilascio posizionale, con dry needling (utilizzo di sottili aghi per disattivare il trigger point), tecniche di release miofasciale.

SCOPRI L'APPROCCIO FUNZIONALE DI

TRIGGER POINT ITALIA

LEGGI I NOSTRI ARTICOLI SUI TRIGGER POINT E SUL DOLORE MIOFASCIALE

CUPPING THERAPY TRIGGER POINT

DOLORE CERVICALE

La conoscenza dei trigger point cambierà il tuo approccio nella gestione del dolore

CONSIDERARE I TRIGGER POINT NELLA VALUTAZIONE DEL DOLORE IN  PAZIENTI EMIPLEGICI (ICTUS)

TRIGGER POINT MIOFASCIALI: SEI ANCORA CONVINTO CHE NON ESISTANO?

ESERCIZIO TERAPEUTICO NEL DOLORE MIOFASCIALE CRONICO

Sindrome da conflitto subacromiale, influenze della postura e Trigger Points.

Il muscolo disconosciuto: “Sternale”. Anatomia, Trigger Points, Esercizi

1/4
Please reload

TROVA IL FISIOTERAPISTA CERTIFICATO

PIU' VICINO A TE