Mal di testa e Trigger Points

Aggiornato il: mar 21


Effect of ischemic compression for cervicogenic headache and elastic behavior of active trigger point in the sternocleidomastoid muscle using ultrasound imaging Mehdi Jafari, Farid Bahrpeyma, Mansoureh Togha

Journal of Bodywork & Movement Therapies2016

Il mal di testa è un disturbo comune che colpisce fino al 66% della popolazione generale (Stovner et al 2007). Con una prevalenza stimata a vita del 96%, il mal di testa influenza negativamente sia la qualità della vita che la produttività del lavoro (Rubio-Ochoa et al 2016). La cefalea cervicogenica (CeH Cervicogenic headache) è uno dei tipi più comuni di mal di testa 0,4-15% della popolazione che ne soffre (Fernández-De-Las-Peñas et al 2005). Sjaastad et al (1983) descrisse il CeH come disturbo discreto nel 1983 e lo distinse da altri tipi di mal di testa, come l'emicrania, che può presentarsi con alcuni comuni sintomi (Garcia et al 2016). L'International Headache Society (IHS) ha classificato il CeH come cefalea secondaria derivante da disturbi muscoloscheletrici nella colonna cervicale (Comitato di classificazione della cefalea della International Headache Society 2013). La complicata convergenza di afferenze cervicali con afferenze trigeminali nel complesso trigeminocervicale è inteso come la base fisiologica di un mal di testa che proviene da strutture cervicali (Bogduk 2001). Per lo più, il CeH è considerato associato con articolazioni, dischi e legamenti del rachide cervicale superiore, ma negli ultimi anni il ruolo del dolore muscolare riferito è preso in considerazione nel mal di testa (Fernández-De-Las- Peñas et al 2007, Fernandez-De-Las-Penas e Schoenen 2009). Una delle più cause importanti di CeH è il trigger point miofasciale (MTrP) (Travell e Simons 1992). I ricercatori hanno dichiarato che i MTrP nel muscolo sternocleidomastoideo (SCM) sono un origine comune per CeH (Cibulka 2006). La sindrome da dolore miofasciale (MPS) è un disturbo comune affrontato dai medici (Srbely e Dickey 2007). I MTrP sono stati identificati come importanti fenomeni neurofisiologici nella fisiopatologia della MPS (Travell and Simons 1992). Il trigger point miofasciale MTrP è una delle più comuni e importanti cause di dolore muscoloscheletrico acuto e cronico (Travell e Simons 1992, Bron e Dommerholt 2012, Carroll et al 2008). I trigger points miofasciali MTrPs sono punti sintomatici, rigidi e localizzati in una banda tesa palpabile all’interno del muscolo (Sikdar et al 2008), che può essere identificato come area ipersensibile palpando i tessuti molli (Aguilera et al 2009). Clinicamente, i trigger points miofasciali MTrPs attivi causano dolore spontaneo, mentre i MTrP latenti possono produrre dolore riferito causato da

stimolazione meccanica (Simons 2004). Entrambi i tipi di trigger points MTrP causare disturbi del movimento come debolezza muscolare o squilibrio muscolare e alterati modelli di reclutamento delle unità motorie (Travell e Simons, 1992). Recenti studi di revisione hanno concluso che la fisioterapia può essere efficace per la gestione di pazienti che soffrono di cefalea incluso il mal di testa di origine cervicogenica CeH (Fernández-De-Las-Peñas e Cuadrado 2016, Luedtke et al 2016). La compressione ischemica è una delle tecniche suggerite utilizzate frequentemente nella gestione dei trigger points miofasciali MTrP, che significa applicare pressione sui trigger points MTrP fino al livello massimo tollerabile (Cagnie et al 2013). Gli studi hanno trovato una forte evidenza per l'effetto della compressione ischemica sulla gestione dei trigger points miofasciali MTrPs (Vernon e Schneider 2009). Un numero crescente di prove indica che i trigger points miofasciali MTrP possono essere visualizzati sotto guida ecografica, specialmente se combinata con l’esame fisico. L'ecografia diagnostica è stata ampiamente utilizzata in Imaging in tempo reale e non invasivo su muscoli, tendini, fascia, vasi e altri tessuti molli (Sikdar et al 2009). L'ultrasuono è un basso rischio metodo per ottenere informazioni descrittive (ad esempio grassi, fibre e fluidi) e proprietà biomeccaniche dei tessuti (Ballyns et al 2011, Shamdasani et al 2008), che può essere utilizzato nei reparti di fisioterapia come supplemento per l'esame obiettivo e valutazione dei risultati del trattamento. Applicando lo stress da compressione e osservando i cambiamenti nelle immagini ad ultrasuoni, le proprietà biomeccaniche del tessuto come la rigidità possono essere esaminate (Thomas e Shankar 2013). In questo metodo, la bassa pressione applicata al tessuto provoca uno spostamento assiale del tessuto. Secondo la legge di Hooke, (Young modulo) come quantità fisica per misurare la rigidità può essere determinata secondo equazione E = Stress / Strain. Lo Strain è il cambiamento di dimensioni o forma prodotto da un sistema di forze, espresso come un rapporto (ad es., la variazione di lunghezza per l’unità di lunghezza). La forza che agisce sull'unità di area è nota come stress (Drakonaki et al 2012). Questo metodo di ultrasonografia è ampiamente utilizzato nella diagnosi di tumori maligni del seno, della prostata, tiroide e linfonodi. Dati i cambiamenti biomeccanici nel muscolo, questo metodo ha un'applicazione clinica nei disturbi muscoloscheletrici (Drakonaki et al 2012). Sebbene la relazione tra trigger points miofasciali MTrPs e cefalea cervicogenica CeH sia ovvia (Aprill et al 2002), pochi studi sono stati condotti sulla loro relazione (Bodes-Pardo et al 2013), solo una sperimentazione clinica ha esaminato l'effetto della terapia manuale per il trattamento dei trigger points miofasciali MTrP nel muscolo sternocleidomastoideo in soggetti con cefalea cervicogenica CeH (Bodes-Pardo et al 2013). La mancanza di valutazioni obiettive cliniche per l’individuazione dei trigger points miofasciali MTrP è la causa di alcuni controversie sull'effetto dei metodi terapeutici (Sikdar et al 2009). La determinazione dei cambiamenti biomeccanici prima e dopo il trattamento dei trigger point MTrP utilizzando l’ultrasonografia per rivelare alcuni nuovi aspetti nella relazione tra trigger points e cefalea. Il nostro obiettivo in questo studio mirava a valutare l'effetto della compressione ischemica su pazienti con cefalea cervicogenica CeH e comportamento elastico degli MTrP, utilizzando l'imaging ecografico.

Tutti i soggetti del gruppo di trattamento sono stati gestiti attraverso quattro sessioni di compressione ischemica eseguite in otto giorni con l'intervallo di un giorno tra ciascuna sessione. La compressione ischemica, sui trigger point miofasciali del muscolo sternocleidomastoideo MTrP è stata eseguita dal fisioterapista con presa a pinza fra pollice e indice. Lo stesso fisioterapista ha sia diagnosticato i trigger points MTrP sia eseguito tutti gli interventi. La pressione ischemica viene mantenuta costante ed è stata applicata al livello massimo tollerabile prima della riproduzione del pattern del mal di testa. Quando il dolore diminuisce del 50%, la pressione è stata aumentata nuovamente al livello massimo tollerabile. In ogni sessione di trattamento, questo processo è stato applicato tre volte per un tempo variabile da 30 a 60 secondi, con un intervallo di 30 secondi tra ogni applicazione. Nel caso in cui si siano verificate una delle seguenti situazioni, la compressione ischemica era stata interrotta: è stato riprodotto il mal di testa, il dolore è scomparso oppure sono passati più di 60 secondi dall'inizio della compressione ischemica.

Abbiamo trovato solo un altro studio clinico randomizzato pubblicato che indaga l'effetto della terapia manuale sui trigger points MTrP nel muscolo sternocleidomastoideo SCM in soggetti con cefalea cervicogenica CeH (Bodes-Pardo et al2013). Sebbene la tecnica di rilascio della pressione fosse applicata in quello studio, i nostri risultatisono coerenti con i loro risultati. La differenza tra compressione ischemica epressure-release è che nella tecnica di rilascio della pressione, il terapista applica gradualmente pressione sul trigger points miofasciale MTrP fino a quando non si percepisce un aumento della resistenza del tessuto, che di solito è percepito come non doloroso dal soggetto da applicare (Fernández-De-Las-Peňas et al 2006). Nella compressione ischemica, la pressione applicara raggiunge la massima tollerabile.

Questo studio indica che la compressione ischemica può ridurre l'intensità del mal di testa, frequenza e durata nei soggetti con cefalea cervicogenica CeH originata da trigger points miofasciali MTrP nel muscolo sternocleidomastoideo. Sono suggerite ulteriori ricerche con follow-up più lungo e dimensioni del campione più grandi.

#cefalea #Triggerpointfunctional #Triggerpoint #Triggerpoints #triggerpointitalia #compressioneischemia #ischemiccompression #sternocleidomastoideo #scom

CONTATTI:
info@triggerpointitalia.com
+393319487499
+39 0360361981
  • whatsapp trigger point
  • White Twitter Icon
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon