ESERCIZIO TERAPEUTICO NEL DOLORE MIOFASCIALE CRONICO

Aggiornato il: mar 21


La necessità di evitare o alleviare il dolore è da sempre una sfida per i terapisti, negli ultimi anni la letteratura ci ha accompagnato verso con un cambio di paradigma dai tradizionali modelli biomedici di dolore verso un modello di dolore biopsicosociale, che è particolarmente rilevante nel contesto dell'esecuzione di esercizi terapeutici. 4

I trattamenti basati su gli esercizi sono la pietra angolare del management per i pazienti con dolore muscolo-scheletrico e miofasciale, 1 i benefici degli esercizi sono chiari ma 1 2 I i meccanismi esatti alla base del loro effetto sul dolore muscolo-scheletrico non sono al momento del tutto chiari. 3 Ad oggi si sa ancora poco sulla dose ottimale e sul tipo di esercizio. Molto di ciò che si pensa di sapere riguardo al dolore durante l'esercizio fisico si basa sul comportamento e le credenze dei terapisti e dei pazienti che spesso trascurano la letteratura scientifica e non prendendo in mai in considerazione la possibilità di evocare il dolore durante l’esercizio ed escludendo dalla prescrizione gli esercizi dolorosi.

I modelli tradizionali di dolore che descrivono la patologia tissutale come fonte di input cognitivo direttamente collegati all'espressione del dolore sono insufficienti per la valutazione e il trattamento del dolore muscolo-scheletrico e miofasicale. 75 Altri modelli riconcettualizzano il dolore e propongono concetti basati sulla premessa che il dolore non sempre fornisce una misura dello stato della patologia del tessuto.

Invece sappiamo che il dolore è modulato da molti fattori, e la relazione tra dolore e tessuto diventa meno prevedibile più a lungo persiste il dolore. 30 L' elaborazione centrale del dolore si è dimostrata di essere presente in molte condizioni di dolore, 76-83 inoltre è stato scoperto che il sistema immunitario gioca un ruolo nello sviluppo e nel mantenimento di dolore sensibilizzazione. 18-20

I pensieri "inutili" dei pazienti e dei fisioterapisti nei confronti del dolore, compresa la convinzione che il dolore non migliorerà e che il movimento causerà ulteriori danni ai tessuti sono questioni importanti da tenere presente durante il trattamento riabilitativo e a volte possono essere il fattore principale del peggioramento del dolore. 22 23

QUANDO UN ESERCIZIO VIENE DEFINITO DOLOROSO?

Nello specifico, gli esercizi vengono definiti dolorosi quando: gli esercizi sono prescritti con istruzioni per i pazienti di evocare il dolore o dove ai pazienti viene detto che è accettabile e sicuro provare dolore durante l'esercizio.

ESERCIZI NON DOLOROSI vs ESERCIZI DOLOROSI

I trattamenti basati sull'esercizio possono essere molto promettenti sulla carta, ma le dimensioni degli effetti rimangono, secondo la letteratura corrente, da piccole a modeste con una grande variabilità nelle prescrizioni degli esercizi. Una recente revisione sistematica e una meta-analisi sul dolore muscoloscheletrico cronico ha preso in esame gli esercizi dolorosi confrontandoli con esercizi effettuati senza evocare dolore ed ha rilevato che i protocolli che consentono esercizi dolorosi hanno un beneficio statisticamente significativo sugli esercizi senza dolore a breve termine. 4

I miglioramenti del dolore riferito dal paziente sono stati raggiunti con una serie di fattori contestuali ad esempio i vari gradi di dolore sperimentati (che vanno dal dolore consigliato, con / senza scala del dolore) e il tempo di recupero (che varia dal dolore immediato al dolore nelle 24 ore).

QUALI SONO I MECCANISMI ALLA BASE DEGLI EFFETTI DELL’ESERCIZIO?

Comprendere i potenziali meccanismi alla base degli effetti dell'esercizio terapeutico, nel contesto di fattori associati al dolore muscoloscheletrico cronico, è fondamentale per ottimizzare le attuali prescrizioni sugli esercizi per la gestione del dolore muscolo-scheletrico.

Lo scopo del’articolo è quello di fornire una comprensione dei potenziali meccanismi alla base dell'esercizio e di sviluppare su questo argomento i meccanismi teorici aggiuntivi degli esercizi dolorosi.

Di seguito andremo a fornirvi una panoramica delle attuali conoscenze di:

• Dolore muscoloscheletrico in relazione ai meccanismi del dolore centrale e periferico, al sistema immunitario e agli aspetti affettivi del dolore. • Questo articolo si concentra su questi tre meccanismi in quanto questi sistemi possono rispondere in modo diverso allo stimolo doloroso, rispetto a uno stimolo non doloroso 5-8 ; • Quindi, i meccanismi proposti dietro per spiegare l'effetto benefico potenzialmente aggiuntivo legato alla prescrizione ove utile, indicato e necessario di esercizi dolorosi rispetto a esercizi senza dolore per le persone con dolore miofasciale.

BREVE INTRODUZIONE SULLE ATTUALI CONOSCENZE SUL DOLORE CRONICO

MECCANISMI DI SENSIBILIZZAZIONE CENTRALE E PERIFERICA

La sensibilizzazione centrale in genere descrive una maggiore reattività dei neuroni nocicettivi nel sistema nervoso centrale (SNC) a un input normale. Con la sensibilizzazione centrale, ci sono cambiamenti nelle proprietà e nella funzione dei neuroni nel SNC, con un aumento della risposta al dolore rispetto alla presenza e all'intensità degli stimoli periferici nocivi. 9 10

Nella pratica clinica e negli studi, possiamo misurare i segnali che riflettono la sensibilizzazione centrale e valutare molti diversi meccanismi che la sostengono. 9

La sensibilizzazione centrale può essere vista come un termine generico, 9 le cui caratteristiche principali sono: iperalgesia; • allodinia; • Sommatoria Temporale Del Dolore (TSP) • Controllo Inibitorio Nocivo Diffuso (DNIC) 9-12

L'iperalgesia è un'aumentata risposta al dolore per gli stimoli normalmente dolorosi e può essere il risultato di una maggiore sensibilità al dolore periferico o centrale. 13 Se qualcuno dovesse provare una puntura al ginocchio, potrebbe segnare, per esempio, il dolore pari a 5/10. Tuttavia, se soffrivano di dolore cronico al ginocchio, con iperalgesia, gli stessi stimoli della puntura provocavano una risposta più dolorosa e un punteggio del dolore più alto.

L'allodinia, è una risposta al dolore a uno stimolo che normalmente non è doloroso. 10 14 Un esempio di allodinia è la persona che soffre di lombalgia cronica che si lamenta del dolore quando viene abbracciato.

TSP è un aumento progressivo della percezione del dolore nella risposta a stimoli ripetuti della stessa intensità è espressione della facilitazione del dolore centrale che si verifica ai livello dei neuroni del corno dorsale quando questo integra la nocicezione in entrata. 11 Una varietà di stimoli può essere utilizzata per valutare la sommatoria temporale, inclusi calore, freddo, pressione ed elettricità. Ad esempio, un paziente con dolore cronico al ginocchio che esegue esercizi al ginocchio può lamentare livelli crescenti di dolore legati all'aumento delle ripetizioni dello stesso esercizio eseguito, questi effetti potrebbero essere attribuiti al TSP.

Il DNIC 12 descrive un sistema di modulazione del dolore endogeno discendente che comprende una serie di meccanismi sovrapposti del SNC che possono modulare e inibire il dolore. 15

I due meccanismi principali sono l'attivazione di meccanismi inibitori nocicettivi discendenti 16 e il rilascio di oppioidi endogeni. 17 Il DNIC può essere valutato negli esseri umani attraverso la risposta di modulazione del dolore condizionata (CPM) (nota anche come 'dolore che inibisce il dolore').

Durante la CPM, le risposte inibitorie del dolore discendente vengono sfidate durante uno stimolo doloroso di condizionamento.

Questo è usato come proxy dell'efficacia complessiva del sistema analgesico endogeno, che probabilmente si verifica attraverso entrambi i percorsi oppioidi e non oppioidi.

Un esempio di CPM in azione è quando si possono riportare punteggi del dolore più bassi per una lamentela primaria, per esempio lombalgia, in presenza di uno stimolo doloroso secondario, ad esempio ponendo la mano in acqua ghiacciata.

IL RUOLO DEL SISTEMA IMMUNITARIO

Si ritiene che il sistema immunitario svolga un ruolo importante negli stati di dolore cronico, compreso lo sviluppo di iperalgesia e allodinia a lungo termine. 18-20

La risposta immunitaria innata dell'infiammazione viene attivata da vari processi, inclusa l'esposizione a frammenti di parete cellulare microbica, tossine, sostanze chimiche irritanti e reazioni autoimmuni. 21 Tipicamente, questi vengono rilevati da una famiglia di recettori pattern-recognition chiamati recettori toll-like (TLR) che regolano la risposta immunitaria innata dal CNS. 19

I TLR sono costituiti prevalentemente da cellule gliali e avvertono la presenza di danni o di pericolo originati sia endogeni che esogeni, traducendoli in segnali immunitari centrali che possono essere interpretati dal SNC. 18 20 Un processo attraverso il quale il sistema immunitario può influenzare l'iperalgesia e l'allodinia è attraverso alterazioni delle cellule gliali che da una normale funzione immunitaria possono agire sui neuroni del corno dorsale come nocicettori. 9

Alcuni studi segnalano un aumento dell'attività gliale con individui con dolore cronico. 18 I meccanismi con cui l'attivazione delle cellule gliali porta alla plasticità sinaptica non sono completamente compresi, ma si ritiene che questo stato patologico del dolore sia correlato alla sensibilizzazione centrale, con una grande sovrapposizione di meccanismi contribuenti. 18

ASPETTI AFFETTIVI DEL DOLORE

L'identificazione della paura correlata al dolore e agli stati emotivi negativi, come la kinesiofobia, la catastrofe, la bassa auto-efficacia, l'ansia e la depressione, stanno diventando sempre più importanti in alcuni disturbi muscoloscheletrici e miofasciali. 22 23

La ricerca ha dimostrato che questi fattori psicologici possono influenzare la funzione e la qualità della vita nei pazienti con dolore e possono modulare l'esperienza del dolore degli individui e quindi possono giocare un ruolo importante nello sviluppo e / o nel mantenimento degli stati di dolore cronico. 24-30

Una revisione sistematica sugli interventi di autogestione del dolore muscoloscheletrico cronico ha rilevato che l'autoefficacia e la depressione erano i fattori prognostici più forti (indipendentemente dall'intervento). 31 Ridurre il dolore catastrofico e aumentare l'attività fisica sono stati i fattori di mediazione più forti, cioè i fattori che possono spiegare l'efficacia dei diversi trattamenti. 31

Il dolore può influire negativamente sull'attività fisica, sui processi mentali e cognitivi legati principalmente all'attenzione. 32 33 È stato proposto che la paura legata al dolore amplifica l'esperienza del dolore; anzi, esiste una forte evidenza del fatto che il dolore viene sperimentato più fortemente quando vi è una maggiore attenzione su di esso. 34-38

Una persona con la paura correlata al dolore può avere una maggiore quantità di distorsioni dell'attenzione, questi pazienti prestano maggiore attenzione riguardo al dolore, con un maggiore significato emotivo ad esso collegato. 25

COME FA LA PAURA AD INFLUENZARE IL DOLORE?

I meccanismi con cui si pensa che la paura del dolore influenza la sensibilizzazione centrale sono:

1- Aumento della trasmissione nocicettiva tramite meccanismo cancello spinale 39 2- Modulazione dei percorsi discendenti 39 3- Sommatoria temporale

questi fenomeni portano all'aumento della magnitudo dell'attivazione dei neuroni delle corna dorsali spinali che aumenta la sensibilità alla glutammina, producendo così una risposta al dolore sproporzionata rispetto allo stimolo sperimentato. 9 25

Prove di neuroimaging hanno dimostrato il ruolo dell'amigdala e della paura correlata al dolore, e il suo potenziale sull'attività, come facilitatore del dolore cronico e sensibilizzazione centrale. 40-42

IN CHE MODO CONSENTIRE UN ESERCIZIO DOLOROSO MIGLIORA IL DOLORE?

TRE MECCANISMI CHE DERIVANO DALLE RECENTI SCOPERTE DELLE NEUROSCIENZE Le spiegazioni tradizionali con le quali l'esercizio fisico migliora il dolore e l'invalidità legata al dolore miofasciale cronico si basano sull'effetto degli esercizi sulla biomeccanica e sui corrispondenti cambiamenti nel carico del sistema muscolo-scheletrico. 2

Questo modello di ragionamento clinico, in base al quale il dolore migliora come risultato della biomeccanica, non tiene conto dello spettro biopsicosociale completo.

Questo potrebbe essere il motivo per cui mancano prove a sostegno di qualsiasi intervento specifico sull'esercizio. Può essere che i fattori comuni a tutti gli esercizi abbiano il più grande effetto di mediazione sul dolore e sulla disabilità.

Proveremo ora ad indagare i meccanismi associati all'esercizio fisico e ai processi legati al dolore centrale, al sistema immunitario e gli aspetti affettivi del dolore, inclusa una motivazione teorica alla base della spiegazione del potenziale beneficio aggiuntivo che spinge il terapista a prescrivere e consentire esercizi terapeutici dolorosi, rispetto a esercizi privi di dolore.

ASPETTI AFFETTIVI DELLA RICONCETTUALIZZAZIONE DEL DOLORE DELLA PAURA CORRELATA AL DOLORE

Alcuni pazienti riportano la paura di creare ulteriori danni ai tessuti quando effettuano un'attività dolorosa o un esercizio doloroso. 43-45 Una considerazione importante degli effetti benefici dell'esercizio doloroso è il potenziale apprendimento associato coinvolto.

Esercizi dolorosi hanno un grosso potenziale per i pazienti perché li possono aiutare a riconcettualizzare la paura correlata al dolore, cioè i pazienti possono essere “sfidati” a pensare in modo diverso al dolore e il danno al tessuto.

Consentire esercizi dolorosi offre ai pazienti l'opportunità di reintrodurre movimenti che erano stati precedentemente percepiti come una minaccia.

IL RUOLO DELL’ AMIGDALA

L'amigdala viene spesso indicata come il centro della paura del cervello 5 e svolge un ruolo chiave nel plasmare la nostra risposta alla paura, in particolare la nostra risposta ai ricordi e alla paura legati al dolore. 5

Anche la corteccia ha un ruolo nella nostra risposta dolorosa,42 entrambe le aree del cervello comunicano direttamente tramite il sistema inibitorio nocicettivo discendente. 24 46 47

E noto che l'amigdala proietta su aree del cervello che svolgono ruoli chiave nella risposta simpatica alla minaccia, come il locus coeruleus e il ponte, 70 con l'infiammazione che viene attivata direttamente dalla risposta del sistema nervoso simpatico . 71 72

In stati di dolore cronico, il cervello acquisisce memorie di dolore maladattive, come ad esempio che lo stress associato tessuti e il carico sono dei pericoli e delle minacce, 48 limita quindi movimenti funzionali e fondamentali come ad esempio la flessione in avanti in individui con lombalgia, la felssione del braccio o il sollevamento di oggetti in individui con dolore della spalla o movimenti tipo squat con individui con dolore al ginocchio.

LA FUGA DAL MOVIMENTO INFLUISCE NEGATIVAMENTE SUL DOLORE?

Il pensiero contemporaneo in relazione all'adattamento e al dolore del movimento sostiene che l'evitamento dell'attività precede lo sviluppo del dolore, con il dolore che causa i cambiamenti comportamentali. 49

Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che la fuga dall'esecuzione di un movimento attiva il centro paura di memoria del cervello, pensato per essere un meccanismo protettivo minaccia iperattiva, innescando il dolore, anche in assenza di chiara nocicezione. 50

Questo è un risultato importante, poiché si collega ad altri lavori dei ricercatori che hanno dimostrato che le credenze e l'atteggiamento dei singoli nei confronti del dolore, e l'idea di ciò che costituisce o meno un dolore "minaccioso", porta ad un comportamento alterato del movimento in coloro che percepiscono uno stimolo come minaccioso. 51

PERCHÉ INCLUDERE ESERCIZI DOLOROSI NELLA RIABILITAZIONE DI UN PAZIENTE CON DOLORE MIOFASCIALE CORONICO?

Permettendo esercizi dolorosi, con appropriati "segnali di sicurezza", possono essere fatte nuove associazioni inibitorie; queste nuove associazioni inibitorie teoricamente possono competere con la risposta condizionata originaria, in modo che venga soppressa. 52

I segnali di sicurezza possono includere affermazioni come: "La tua spalla è dolorosa perché è stata decondizionata e non utilizzata per il movimento. Abbiamo bisogno di esercitare la spalla, quindi diventerà forte e condizionata per consentirti di tornare a fare ciò che facevi prima ".

La ricerca a sostegno di questo concetto proviene da studi sugli animali 53 54 che hanno riportato il coinvolgimento della corteccia prefrontale mediale (mPFC) nell'apprendimento di nuove associazioni inibitorie, che ha proiezioni dirette sull'amigdala. 52

Il mPFC potrebbe avere un ruolo nella memorizzazione delle memorie di estinzione a lungo termine che bloccano e sopprimono l'amigdala. Studi umani sul personale militare con e senza una diagnosi clinica di disturbo da stress post-traumatico (PTSD) hanno confermato questa relazione inversa tra l'attività nell'mPFC e l'amigdala. 55

Pazienti con PTSD avevano diminuito l'attivazione del mPFC, con una maggiore attivazione dell'amigdala. 55 Clinicamente, questo è un punto importante, poiché evidenzia che nonostante una risposta positiva alla terapia, la paura correlata al dolore potrebbe non essere mai stata veramente eliminata.

La paura correlata al dolore può, riaffiorare a determinate condizioni, ad esempio durante una riacutizzazione del sintomo. Si ritiene che consentire esercizi terapeutici dolorosi possa ridurre la percezione delle minacce, e quindi l'attività dell'amigdala e della corteccia somatosensoriale, 56 con una modulazione positiva dei sistemi inibitori nocicettivi.

Una spiegazione di tutto questo fornirebbe segnali di sicurezza ad un paziente che ha paura di sollevare una spalla dolorosa che ha riposato per lunghi periodi.

AUTOEFFICACIA

L'autoefficacia, è un altro fattore psicosociale associato alla paura correlata al dolore. L'autoefficacia è un fattore prognostico chiave per il successo degli interventi di autogestione del dolore miofasciale e muscolo-scheletrico. 31

PERCHÉ GLI ESERCIZI RIDUCONO IL DOLORE?

Ipoalgesia Indotta dall' Esercizio

È stato riconosciuto che un trattamento intensivo di esercizi può provocare analgesia e questo fenomeno è definito ipoalgesia indotta dall'esercizio (EIH) l'efficacia è basata su un processo di modulazione del dolore endogeno. 59 Si ritiene che l'EIH dipenda da molteplici meccanismi analgesici che contribuiscono a modificare la sensibilità al dolore. 60

Prove per l'effetto analgesico dell' esercizio derivano da studi sperimentali che hanno ottenuto un' attenuazione della sensibilità al dolore, misurata con la soglia del dolore alla pressione e la sommatoria temporale. 11 60 61 Sono stati studiati diversi tipi di interventi, tra cui l'esercizio aerobico (corsa e ciclismo) e l'esercizio di rinforzo, compresa la resistenza isometrica e dinamica. 59

Si ritiene che il sistema oppioide endogeno sia innescato dall'attivazione indotta dall'azione dei barocettori arteriosi in seguito ad aumenti della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa, con una risposta dose associata. 3 62 63

L’esercizio fisico può attivare il rilascio di β-endorfine dall'ipofisi e dall'ipotalamo, attivando a sua volta i recettori μ-oppioidi sia periferici che centrali e attivando il sistema oppioide endogeno. 64 L'ipotalamo proietta sul PAG con conseguente ulteriore effetto analgesico endogeno attraverso i meccanismi inibitori nocicettivi discendenti. 3

PERCHÉ FUNZIONANO GLI ESERCIZI CON DOLORE?

I potenziali meccanismi alla base dell'effetto degli esercizi dolorosi sono che gli esercizi dolorosi possono alterare sia l'esito della risposta che l'aspettativa di efficacia (entrambe componenti dell' auto-efficacia). 57

Nel contesto della teoria presentata, la costruzione gerarchica di esercizi dolorosi, da carico più facile a più difficile / più alto, potrebbe migliorare l' aspettativa del paziente nei confronti della terapia, dove il paziente inizia ad aspettarsi di poter tollerare esercizi più duri, senza innescare la precedente esperienza di paura legata al dolore e le riacutizzazioni del dolore. 58

Una recente revisione sistematica ha concluso che gli esercizi dolorosi hanno in genere carichi più elevati e una dose maggiore di esercizio 4 questo potrebbe essere un motivo teorico per spiegare perchè gli esercizi dolorosi possano avere un EIH maggiore e un effetto maggiore rispetto agli esercizi senza dolore.

Un altro motivo per cui esercizi dolorosi possono funzionare per ridurre il dolore è attraverso la risposta CPM. Come precedentemente spiegato, durante il CPM le risposte inibitorie del dolore discendente vengono modulate durante uno stimolo doloroso di condizionamento. 65

Diversi studi hanno dimostrato che la paura correlata al dolore disturba negativamente i sistemi inibitori del dolore endogeno attraverso il processo di CPM, ad esempio, livelli più elevati di catastrofismo durante gli studi sperimentali sono stati fortemente associate ad una minore attivazione del DNIC ed a valutazioni del dolore più elevate. 6

Sappiamo che la rete di strutture sottocorticali e corticali associate a DNIC e CPM includono l'amigdala. 66 Esercizi dolorosi potrebbero fornire lo stimolo doloroso condizionante necessario per innescare la risposta del CPM, nel contesto della riduzione della paura correlata al dolore e dell'attività dell'amigdala

Questa relazione può fornire una motivazione meccanicistica per spiegare miglioramenti nel dolore e nella funzione.

LA FUNZIONE IMMUNITARIA E LA PAURA CORRELATA AL DOLORE

Come discusso in precedenza, il sistema immunitario può avere un ruolo negli stati di dolore cronico e nello sviluppo di iperalgesia e allodinia a lungo termine. 18-20 Proviamo ora a spiegare questo fenomeno in relazione all'esercizio e, in particolare, mettendo in discussione la convinzione che gli esercizi debbano essere indolori.

È ben noto che l'esercizio fisico regolare riduce il rischio di sviluppare malattie legate all'età, come le malattie cardiache e il diabete di tipo 2. 67 Tuttavia, il regolare esercizio fisico generale riduce anche suscettibilità alle infezioni virali e batteriche, suggerendo che esistono meccanismi in gioco che migliorano la funzione immunitaria generale. 68 69

E noto che l'amigdala proietta su aree del cervello che svolgono ruoli chiave nella risposta simpatica alla minaccia, come il locus coeruleus e il ponte, 70 con l'infiammazione attivata direttamente dalla risposta del sistema nervoso simpatico . 71 72

Due studi con MRI funzionale hanno esaminato il cervello e la funzione immunitaria durante periodi sperimentali di stress psicologico indotto, i risultati dello studio hanno riportato un aumento dell'attività dell'amigdala, con successivi aumenti dei marcatori infiammatori. 7 8

QUANDO PRESCRIVERE ESERCIZI CON DOLORE?

Pertanto, possiamo concludere che consentire esercizi dolorosi, in un quadro di riduzione della paura-evitamento, con riconcettualizzazione della paura correlata al dolore, potrebbe ridurre la percezione della minaccia e quindi l'attività dell'amigdala e della corteccia somatosensoriale.

Il risultato potrebbe essere una modulazione positiva del sistema nervoso simpatico oltre all'effetto usuale dell'attività fisica e una maggiore riduzione della cascata della risposta immunitaria fisiologica e del sistema infiammatorio.

La prova di ciò viene dagli studi che esaminano la risposta del sistema nervoso simpatico alla paura e al movimento o all'esercizio correlati al dolore. Ad esempio, durante i movimenti dolorosi, i pazienti con dolore persistente hanno mostrato più attivazione della corteccia insulare destra, pensata per avere interazioni dirette con il sistema nervoso simpatico, rispetto ai pazienti dei gruppi di controllo che effettuavano esercizi senza dolore. 73 74

Analogamente pazienti con dolore al braccio cronico hanno mostrato un aumento gonfiore, in risposta a immagini del movimento, senza effettuare movimenti reali, che è stato collegato alla paura del dolore e catastrophising, 74 dimostrando che questi fattori psicosociali possono modulare il rapporto tra il movimento e il sistema simpatico. 74

CONCETTI CHIAVE

I processi centrali del dolore, il sistema immunitario e gli aspetti affettivi del dolore sembrano rispondere all'esercizio in modo positivo.

Potrebbero esserci alcuni ulteriori vantaggi quando l'esercizio è doloroso.

Questi meccanismi sovrapposti possono ridurre e/o moderare il dolore miofasicale e muscolo-scheletrico attraverso la prescrizione di esercizi che riconcettualizzano il dolore come elemento sicuro e non minaccioso, facilitato da un adeguato supporto clinico e dall'educazione.

Consentire esercizi dolorosi può comportare un maggior carico / volume di esercizio, ma mette in discussione la prescrizione tradizionale basata esclusivamente sui principi di forza e condizionamento con un approccio focalizzato sul tessuto.

ATTENZIONE

Utilizzare esercizi con dolore è sicuramente un ottimo strumento per il trattamento del dolore miofasciale ma tali esercizi vanno prescritti solamente dopo un’ accurata valutazione effettuata sul paziente da professionisti esperti nel trattamento della sindrome da dolore miofasciale e con una formazione adeguata sull’esercizio terapeutico doloroso.

BIBLIOGAFIA

Smith BE, Hendrick P, Bateman M, et al Musculoskeletal pain and exercise—challenging existing paradigms and introducing new Br J Sports Med Published Online First: 20 June 2018. doi: 10.1136/bjsports-2017-098983

1. Physical activity and exercise for chronic pain in adults: an overview of Cochrane Reviews. Cochrane Database Syst Rev 2017;1:CD011279.doi:10.1002/14651858.CD011279.pub2 2. Exercise for chronic musculoskeletal pain: a biopsychosocial approach. Musculoskeletal Care 2017;15:413–21.doi:10.1002/msc.1191 3. Dysfunctional endogenous analgesia during exercise in patients with chronic pain: to exercise or not to exercise? Pain Physician 2012;15:ES205–13. 4. Should exercises be painful in the management of chronic musculoskeletal pain? A systematic review and meta-analysis. Br J Sports Med 2017;51:1679–87.doi:10.1136/bjsports-2016-097383 5. Basolateral amygdala lesion inhibits the development of pain chronicity in neuropathic pain rats. PLoS One 2013;8:e70921.doi:10.1371/journal.pone.0070921 6. Associations between catastrophizing and endogenous pain-inhibitory processes: sex differences. J Pain 2009;10:180–90.doi:10.1016/j.jpain.2008.08.012 7. Greater amygdala activity and dorsomedial prefrontal-amygdala coupling are associated with enhanced inflammatory responses to stress. Brain Behav Immun 2015;43:46–53.doi:10.1016/j.bbi.2014.06.201 8. Neural sensitivity to social rejection is associated with inflammatory responses to social stress. Proc Natl Acad Sci U S A 2010;107:14817–22.doi:10.1073/pnas.1009164107 9. Pathophysiological mechanisms of chronic pain. In: Corns J , ed. The routledge handbook of philosophy of pain. Routledge. 1st edn, 2017:124–39. 10. Models and mechanisms of hyperalgesia and allodynia. Physiol Rev 2009;89:707–58.doi:10.1152/physrev.00025.2008 11. Translational musculoskeletal pain research. Best Pract Res Clin Rheumatol2011;25:209–26.doi:10.1016/j.berh.2010.01.013 12. Diffuse noxious inhibitory controls (DNIC). I. Effects on dorsal horn convergent neurones in the rat. Pain 1979;6:283–304.doi:10.1016/0304-3959(79)90049-6 13. Assessment of mechanisms in localized and widespread musculoskeletal pain. Nat Rev Rheumatol 2010;6:599–606.doi:10.1038/nrrheum.2010.107 CrossRefPubMedGoogle Scholar 14. IASP taxonomy. Updat. from Pain Terms, A Curr. List with Defin. Notes Usage. Classif. Chronic Pain. 2nd edn. Taxon: IASP Task Force, 2012:209–14. 15. Role of endogenous pain modulation in chronic pain mechanisms and treatment. Pain 2015;156 Suppl 1:S24–S31.doi:10.1097/01.j.pain.0000460343.46847.58 16. Central modulation of exercise-induced muscle pain in humans. J Physiol 2007;585:287–94.doi:10.1113/jphysiol.2007.140509 17. Perception of pain after resistance exercise. Br J Sports Med 1998;32:20–4.doi:10.1136/bjsm.32.1.20 18. Neuroimmune activation and neuroinflammation in chronic pain and opioid tolerance/hyperalgesia. Neuroscientist 2004;10:40–52.doi:10.1177/1073858403259950 19. The innate immunity of the central nervous system in chronic pain: the role of Toll-like receptors. Cell Mol Life Sci 2007;64:1128–36.doi:10.1007/s00018-007-6494-3 20. Toll-like receptors in chronic pain. Exp Neurol 2012;234:316–29.doi:10.1016/j.expneurol.2011.09.038 21. Role of the immune system in chronic pain. Nat Rev Neurosci 2005;6:521–32.doi:10.1038/nrn1700 22. Association of depression and anxiety alone and in combination with chronic musculoskeletal pain in primary care patients. Psychosom Med 2008;70:890–7.doi:10.1097/PSY.0b013e318185c510 23. Comorbidity of pain and anxiety disorders. Curr Psychiatry Rep 2008;10:318–22.doi:10.1007/s11920-008-0051-0 24. Central modulation of pain. J Clin Invest 2010;120:3779–87.doi:10.1172/JCI43766 25. Pain catastrophizing: a critical review. Expert Rev Neurother 2009;9:745–58.doi:10.1586/ern.09.34 26. The context of a noxious stimulus affects the pain it evokes. Pain 2007;133:64–71.doi:10.1016/j.pain.2007.03.002 27. Bogus visual feedback alters onset of movement-evoked pain in people with neck pain. Psychol Sci 2015;26:385–92.doi:10.1177/0956797614563339 28. From cue to meaning: brain mechanisms supporting the construction of expectations of pain. Pain 2014;155:129–36.doi:10.1016/j.pain.2013.09.014 29. Will this patient develop persistent disabling low back pain? JAMA 2010;303:1295–302.doi:10.1001/jama.2010.344 30. Reconceptualising pain according to modern pain science. Physical Therapy Reviews 2007;12:169–78.doi:10.1179/108331907X223010 31. Can we identify how programmes aimed at promoting self-management in musculoskeletal pain work and who benefits? A systematic review of sub-group analysis within RCTs. Eur J Pain 2011;15.doi:10.1016/j.ejpain.2011.01.016 32. Pain demands attention: a cognitive-affective model of the interruptive function of pain. Psychol Bull 1999;125:356–66.doi:10.1037/0033-2909.125.3.356 33. Pain-related fear is more disabling than pain itself: evidence on the role of pain-related fear in chronic back pain disability. Pain 1999;80:329–39.doi:10.1016/S0304-3959(98)00229-2 34. The influence of anxiety on pain: attentional and attributional mediators. Pain1994;56:307–14.doi:10.1016/0304-3959(94)90169-4 35. Anxiety, attention and pain. J Psychosom Res 1993;37:423–31.doi:10.1016/0022-3999(93)90145-6 36. Attention, not anxiety, influences pain. Behav Res Ther 1991;29:41–50.doi:10.1016/S0005-7967(09)80006-5 37. An experimental study of attention, labelling and memory in people suffering from chronic pain. Pain 2001;94:193–203.doi:10.1016/S0304-3959(01)00356-6 38. Anxiety and pain: epinephrine-induced hyperalgesia and attentional influences. Pain1998;76:309–16.doi:10.1016/S0304-3959(98)00060-8 39. Theoretical perspectives on the relation between catastrophizing and pain. Clin J Pain 2001;17:52–64.doi:10.1097/00002508-200103000-00008 40. Increased power spectral density in resting-state pain-related brain networks in fibromyalgia. Pain 2013;154:1792–7.doi:10.1016/j.pain.2013.05.040 41. The human amygdala and pain: evidence from neuroimaging. Hum Brain Mapp2014;35:527–38.doi:10.1002/hbm.22199 42. Fear conditioning in an abdominal pain model: neural responses during associative learning and extinction in healthy subjects. PLoS One 2013;8:e51149.doi:10.1371/journal.pone.0051149 43. The personal experience of chronic benign lower back pain: an interpretative phenomenological analysis. Br J Pain 2015;9:65–83. 44. Pain as an assault on the self: an interpretative phenomenological analysis of the psychological impact of chronic benign low back pain. Psychol Health 2007;22:517–34.doi:10.1080/14768320600941756 45. A qualitative study of patients' perceptions and priorities when living with primary frozen shoulder. BMJ Open 2013;3:e003452.doi:10.1136/bmjopen-2013-003452 46. The cognitive neuroscience of placebo effects: concepts, predictions, and physiology. Annu Rev Neurosci 2017;40:167–88.doi:10.1146/annurev-neuro-072116-031132 47. Central nervous system mechanisms of pain modulation. Wall & Melzack’s textbook of pain. Philadelphia: Elsevier Health Sciences, 2013:129–42. 48. Exercise therapy for chronic musculoskeletal pain: Innovation by altering pain memories. Man Ther 2015;20:216–20.doi:10.1016/j.math.2014.07.004 49. Interaction between pain, movement, and physical activity: short-term benefits, long-term consequences, and targets for treatment. Clin J Pain 2015;31:97–107.doi:10.1097/AJP.0000000000000098 50. Similar alteration of motor unit recruitment strategies during the anticipation and experience of pain. Pain 2012;153:636–43.doi:10.1016/j.pain.2011.11.024 51. A meta-analysis to determine the dose response for strength development. Med Sci Sports Exerc 2003;35:456–64.doi:10.1249/01.MSS.0000053727.63505.D4 52. Mechanisms of exposure therapy: how neuroscience can improve psychological treatments for anxiety disorders. Clin Psychol Rev 2007;27:750–9.doi:10.1016/j.cpr.2007.01.003 53. Extinction of emotional learning: contribution of medial prefrontal cortex. Neurosci Lett 1993;163:109–13.doi:10.1016/0304-3940(93)90241-C 54. Neurons in medial prefrontal cortex signal memory for fear extinction. Nature 2002;420:70–74.doi:10.1038/nature01138 55. Regional cerebral blood flow in the amygdala and medial prefrontal cortex during traumatic imagery in male and female Vietnam veterans with PTSD. Arch Gen Psychiatry 2004;61:168–76.doi:10.1001/archpsyc.61.2.168 56. Neural mechanisms mediating positive and negative treatment expectations in visceral pain: a functional magnetic resonance imaging study on placebo and nocebo effects in healthy volunteers. Pain2013;154:2372–80.doi:10.1016/j.pain.2013.07.013 57. Possible mechanisms for why desensitization and exposure therapy work. Clin Psychol Rev 2005;25:67–95.doi:10.1016/j.cpr.2004.08.005 58. A meta-analysis on the anxiety-reducing effects of acute and chronic exercise. Outcomes and mechanisms. Sports Med 1991;11:143–82.doi:10.2165/00007256-199111030-00002 59. A meta-analytic review of the hypoalgesic effects of exercise. J Pain 2012;13:1139–50.doi:10.1016/j.jpain.2012.09.006 60. Mechanisms of exercise-induced hypoalgesia. J Pain 2014;15:1294–304.doi:10.1016/j.jpain.2014.09.006 61. Conditioned pain modulation in populations with chronic pain: a systematic review and meta-analysis. J Pain 2012;13:936–44.doi:10.1016/j.jpain.2012.07.005 62. hypoalgesia and blood pressure. Sport Med 2006;36:207–14. 72 Ghione S. Hypertension-associated hypalgesia. Hypertension 1996;28:494–504. 63. Hypertension-associated hypalgesia. Evidence in experimental animals and humans, pathophysiological mechanisms, and potential clinical consequences. Hypertension 1996;28:494–504.doi:10.1161/01.HYP.28.3.494 64. The effect of physical therapy on beta-endorphin levels. Eur J Appl Physiol2007;100:371–82.doi:10.1007/s00421-007-0469-9 65. Endogenous opioid analgesia in peripheral tissues and the clinical implications for pain control. Ther Clin Risk Manag 2005;1:279. 66. Brain functional magnetic resonance imaging of rectal pain and activation of endogenous inhibitory mechanisms in irritable bowel syndrome patient subgroups and healthy controls. Gut 2004;53:1595–601.doi:10.1136/gut.2003.028514 67. Role of exercise training on cardiovascular disease in persons who have type 2 diabetes and hypertension. Cardiol Clin 2004;22:569–86.doi:10.1016/j.ccl.2004.06.007 68. Reversing age-associated immunosenescence via exercise. Exerc Immunol Rev 2004;10:41. 69. Natural killer cells and exercise training in the elderly: a review. Can J Appl Physiol2004;29:419–43.doi:10.1139/h04-027 70. Different projections of the central amygdaloid nucleus mediate autonomic and behavioral correlates of conditioned fear. J Neurosci 1988;8:2517–29.doi:10.1523/JNEUROSCI.08-07-02517.1988 71. A mechanism converting psychosocial stress into mononuclear cell activation. Proc Natl Acad Sci U S A 2003;100:1920–5.doi:10.1073/pnas.0438019100 72. Effects of acute mental stress and exercise on inflammatory markers in patients with coronary artery disease and healthy controls. Am J Cardiol 2008;101:767–73.doi:10.1016/j.amjcard.2007.11.006 73. Right ventromedial prefrontal lesions result in paradoxical cardiovascular activation with emotional stimuli. Brain 2006;129:3343–55.doi:10.1093/brain/awl299 74. The motor system shows adaptive changes in complex regional pain syndrome. Brain 2007;130:2671–87.doi:10.1093/brain/awm131 75. Mind-body dualism and the biopsychosocial model of pain: what did Descartes really say? J Med Philos2000;25:485–513.doi:10.1076/0360-5310(200008)25:4;1-A;FT485 76. Differential development of sensory hypersensitivity and a measure of spinal cord hyperexcitability following whiplash injury. Pain 2010;150:501–6.doi:10.1016/j.pain.2010.06.003 77. Evidence for spinal cord hypersensitivity in chronic pain after whiplash injury and in fibromyalgia. Pain 2004;107:7–15.doi:10.1016/j.pain.2003.05.001 78. Central hypersensitivity in chronic pain after whiplash injury. Clin J Pain 2001;17:306–15.doi:10.1097/00002508-200112000-00004 79. Central sensitization and altered central pain processing in chronic low back pain: fact or myth? Clin J Pain 2013;29:625–38.doi:10.1097/AJP.0b013e31826f9a71 80. The central nervous system--an additional consideration in ’rotator cuff tendinopathy' and a potential basis for understanding response to loaded therapeutic exercise. Man Ther 2013;18:468–72.doi:10.1016/j.math.2013.07.005 81. Is pain in patellofemoral pain syndrome neuropathic? Clin J Pain 2008;24:384–94.doi:10.1097/AJP.0b013e3181658170 82. Quantitative sensory testing of patients with long lasting Patellofemoral pain syndrome. Eur J Pain 2007;11:665–76.doi:10.1016/j.ejpain.2006.10.007 83. Lower mechanical pressure pain thresholds in female adolescents with patellofemoral pain syndrome. J Orthop Sports Phys Ther 2013;43:414–21.doi:10.2519/jospt.2013.4383


CONTATTI:
info@triggerpointitalia.com
+393319487499
+39 0360361981
  • whatsapp trigger point
  • White Twitter Icon
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon