Alterazione dell'attivazione  dei muscoli superficiali cervicali in presenza di trigger point

Aggiornato il: mar 21


Active Trigger Points in the Cervical Musculature Determine the Altered Activation of Superficial Neck and Extensor Muscles in Women With Migraine. Florencio LL, et al. Clin J Pain. 2017. 

Gli studi precedenti non hanno tenuto conto della presenza di trigger point (TRP) nella muscolatura del collo. 

Tuttavia, è ben descritto che i pazienti con emicrania presentano trP trigger points più attivi, quelli che riproducono l'attacco di emicrania quando stimolati,  nei muscoli cranio-cervicali rispetto ai soggetti senza mal di testa. 

La presenza di TrPs è stata associata a disturbi motori in quanto possono favorire la fatica, la coordinazione alterata e il pattern alterato dell'attività intramuscolare. Nessuno studio precedente ha studiato la potenziale influenza di TrPs attivi nella muscolatura del collo sull'attività elettromiografica dei flessori superficiali del collo e dei muscoli estensori durante la CCFT in soggetti con emicrania. Pertanto, lo scopo del presente studio è quello di indagare le differenze nell'attivazione dei flessori del collo superficiali e dei muscoli estensori durante la CCFT nei pazienti con emicrania considerando la presenza di TrPs attivi in ​​splenio del capo (SC), trapezio superiore (UT) e sternocleidomastoideo (SCM) muscoli. Abbiamo ipotizzato che la presenza di TrPs trigger point attivi nella muscolatura cervicale potrebbe essere associata ad alterata attivazione dei muscoli superficiali cervicali. 

L'emicrania è una cefalea primaria invalidante descritta come una malattia cronica con attacchi ricorrenti. L'emicrania ha una prevalenza mondiale compresa tra il 5 e il 12% . Sebbene il dolore dell'emicrania sia per lo più percepito nella distribuzione oftalmica del nervo trigemino, il dolore al collo è anche un sintomo prevalente concomitante in questa popolazione. In effetti, circa il 76% dell'emicrania i pazienti riportano anche la presenza di dolore al collo, che può manifestarsi come manifestazione premonitoria o durante la fase di cefalea.

È stato suggerito che l'associazione tra dolore al collo ed emicrania si verifica perché la convergenza trigemino-cervicale fornisce un percorso anatomico e neurofisiologico di interazione per le afferenze cervicali e trigemino nocicettive nel nucleo trigemino-cervicale caudale. Inoltre, la sensibilizzazione centrale che si presenta nella maggior parte dei soggetti con emicrania può facilitare il dolore al collo e disturbi correlati. La presenza di dolore al collo ha un'influenza negativa sull'emicrania riducendo la risposta al trattamento farmacologico. L'esperienza del dolore o anche l'anticipazione del dolore possono promuovere una varietà di cambiamenti del controllo motorio che comportano la ridistribuzione dell'attività all'interno del muscolo e tra i muscoli. Studi precedenti che studiano l'attività dei muscoli del collo in pazienti con emicrania hanno rivelato risultati diversi. Ad esempio, durante le massime contrazioni isometriche volontarie della muscolatura del collo, una maggiore co-attivazione dei muscoli antagonisti 

La CCFT è un test graduato a basso carico delle prestazioni dei muscoli flessori cervicali profondi con cinque stadi progressivi guidati da un'unità di biofeedback a pressione (Stabilizer®, Chattanooga Group Inc. South Pacific, USA, Fig. 1). Viene eseguito con il soggetto in posizione supina, con la testa e il collo in posizione neutra. L'unità di biofeedback a pressione è posta dietro il collo del soggetto nella regione suboccipitale, con una pressione di gonfiaggio iniziale di 20 mmHg. 

Nel presente studio, tutte le donne con emicrania hanno mostrato Trigger Point TrP attivi nei muscoli del collo che riproducono il loro attacco di emicrania. Le donne con emicrania che hanno TrP trigger points attivi nella muscolatura cervicale mostrano un pattern alterato di attivazione dei muscoli del collo durante una contrazione cranio-cervicale a basso carico rispetto a quelli senza TrP trigger Point attivi nei muscoli valutato. Alterazioni di input afferenti (cioè stimoli dolorosi indotti da TrPs attivi) sembrano influenzare l'attivazione muscolare a livello multi-muscolare.  

Abstract OBIETTIVO: Studi precedenti hanno dimostrato la presenza di trigger point attivi (TrP) in donne con emicrania che riproducono i loro attacchi di mal di testa. Nessuno studio ha indagato se questi Trigger point TrP possano alterare la funzionalità dei muscoli cervicali nell'emicrania. Il nostro obiettivo era analizzare le differenze nell'attivazione dei flessori superficiali e dei muscoli estensori nelle donne con emicrania considerando la presenza di TrP trigger points attivi nei muscoli splenio del capo (SC), trapezio superiore (UT) e sternocleidomastoideo (SCM). METODI: L'elettromiografia di superficie (EMG) è stata registrata bilateralmente nei flessori superficiali (SCM e scaleno anteriore) e nei muscoli estensori (SC, UT) mentre i partecipanti hanno eseguito un compito a fasi di flessione cranio-cervicale (CCF; 5 contrazioni che rappresentano un progressivo aumento Gamma di movimento CCF) in 70 donne con emicrania. Sono stati stratificati in base alla presenza o all'assenza di TrP attivi nello sternocleidomastoideo SCM, nello splenio del capo SC o nel trapezio superiore UT. Un confronto dei valori quadratici medi (RMS) della radice normalizzata EMG è stato condotto con un'analisi 2 × 5 della covarianza con il livello di attività come variabile all'interno del soggetto, gruppo stratificato da TrP attivi come variabile tra soggetti e presenza di dolore al collo come covariabile. Risultati. Tutti i pazienti presentavano TrP trigger Point attivi nei loro muscoli cervicali, che riproducevano la loro emicrania. Le donne con emicrania che esibiscono TrP attivi nell'SCM (P <0,01), i muscoli UT (P <0,05) o SC (P <0,05) avevano valori RMS normalizzati inferiori dei loro flessori superficiali del collo rispetto a quelli senza TrP attivi nello stesso muscoli. Inoltre, i soggetti con TrP attivi nei muscoli SC e UT (entrambi, P <0,05) avevano valori RMS normalizzati più elevati nel muscolo SC rispetto a quelli senza TrP attivi negli stessi muscoli. CONCLUSIONI: La presenza di TrPs attivi nella muscolatura cervicale determina un'attivazione alterata dei muscoli superficiali del collo e degli estensori durante le contrazioni di flessione cranio-cervicale CCF a basso carico nelle donne con emicrania. 


CONTATTI:
info@triggerpointitalia.com
+393319487499
+39 0360361981
  • whatsapp trigger point
  • White Twitter Icon
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon